Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

GIORNATA ITALIANA DELLO SPAZIO 2022: ABBIGLIAMENTO MADE IN ITALY NELLO SPAZIO.

Data:

16/12/2022


GIORNATA ITALIANA DELLO SPAZIO 2022: ABBIGLIAMENTO MADE IN ITALY NELLO SPAZIO.

In occasione della Giornata dello Spazio, questa Ambasciata ha tenuto oggi un seminario online dedicato all’abbigliamento tecnico nello spazio dal titolo: “Italian Fashion in Space: habitable and wearable solutions for extreme environmental conditions”.

Come noto, l’esplorazione umana dei corpi celesti pone l’uomo dinanzi a numerose sfide di natura fisica derivanti da un ambiente ostile, privo di atmosfera, a ridotta gravità e fortemente esposto a radiazioni.

La tuta spaziale diventa, dunque, un indumento di sopravvivenza: l'ambiente minimo vivibile in quello più inospitale. Progettato con tessuti altamente performanti, ispirati alla cosiddetta "era eroica" della navigazione polare, dell’alpinismo estremo e dell’esplorazione del mare profondo, questo indumento coniuga sapientemente tecnologia e design al punto tale da offrire anche nuove applicazioni nel settore della moda.

In apertura dei lavori, la dott.ssa Simonetta Di Pippo, Direttrice dello Space Economy Evolution Lab (SEE Lab) e docente di practice of space economy presso la SDA Bocconi School of Management di Milano, ha portato il suo saluto sottolineando il ruolo dell’Italia nel settore delle stazioni spaziali commerciali e non, come ad esempio la ISS, sviluppate con fondi pubblici.

ll webinar è entrato nel vivo del tema con l’intervento della prof.ssa Valentina Sumini, Visiting Professor presso il Politecnico di Milano e Research Affiliate al MIT Media, la quale, coadiuvata dal dott. Alessandro Caruso, ricercatore presso il Politecnico di Milano, ha presentato uno studio sulla tuta spaziale concepita come strumento in grado di assicurare la sopravvivenza all’interno di ambienti a gravità ridotta e finalizzata al training e al mantenimento della massa muscolare. L’intervento è stato completato dal prof. Domenico Prattichizzo, docente di ingegneria Industriale e dell’Informazione presso l’Università di Siena, che ha approfondito il tema dei dispositivi smart indossabili.

È intervenuta, infine, la dott.ssa Corinna Sperandini, CEO della Spacewear, ditta italiana specializzata nell’ abbigliamento hi-tech per il settore aerospaziale che ha sviluppato la nuova tuta Smart Flight suite 1 per la missione Axiom Virtute I in collaborazione con il cosmonauta italiano Walter Villadei, ospite d’onore alla conferenza, in collegamento dalla base di addestramento NASA a Houston.

L’Ambasciatore Diego Brasioli ha sottolineato che “l’evento si inserisce nel solco delle iniziative che questa Ambasciata, per favorire le sinergie tra Italia e Lussemburgo – gli unici due paesi dell’UE membri del programma “Artemis”, che riporterà l’uomo sulla luna entro il 2024, in vista della creazione di una base permanente sul nostro satellite e della futura esplorazione umana su Marte - ha realizzato in collaborazione con la Luxembourg Space Agency, l’Agenzia Spaziale Italiana ed altre istituzioni locali ed internazionali nel corso degli ultimi due anni, con focus specifico sulla space economy, space architecture e Italian Food in Space”.

 


738