Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

AVVISO  DI  ASSUNZIONE  DI  N.1 IMPIEGATO  A  CONTRATTO TEMPORANEO (MASSIMO N. 6 MESI)

Data:

12/02/2014


AVVISO  DI  ASSUNZIONE  DI  N.1 IMPIEGATO  A  CONTRATTO TEMPORANEO (MASSIMO N. 6 MESI)



AVVISO DI ASSUNZIONE



L’Ambasciatore d’Italia in Lussemburgo


RENDE NOTO
 
che è stata indetta una procedura di selezione per l’assunzione di n. 1 impiegato a contratto temporaneo (massimo n.6 mesi) da adibire ai servizi di autista/commesso/centralinista


1. REQUISITI GENERALI PER L’AMMISSIONE 
 

Possono partecipare alle prove i candidati in possesso dei seguenti requisiti:


1) abbiano, alla data del presente avviso, compiuto il 18° anno di età;

2) siano in possesso del seguente titolo di studio: licenza elementare o equivalente;

3) siano in possesso di patente di guida valida per lo svolgimento delle mansioni di autista in Lussemburgo.


I requisiti prescritti, ad eccezione del diciottesimo anno di età, devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito dal successivo punto 2 per la presentazione delle domande di partecipazione.


2. PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE


Le domande di ammissione alle prove per l’assunzione dovranno essere presentate entro le ore 24:00 del giorno 27.02.2014, su carta libera, indirizzata a:


Ambasciata d’Italia in Lussemburgo
5, rue Marie Adelaide
L- 2128 Luxembourg

Le domande si considerano presentate in tempo utile se spedite entro il termine di presentazione. In tal caso farà fede la data del timbro postale.

Nelle domande di ammissione al colloquio, i candidati dovranno dichiarare sotto la propria responsabilità:

a) cognome, nome, data, luogo di nascita e residenza;

b) recapito (anche di posta elettronica) presso il quale possono essere inviate eventuali comunicazioni;

c) di essere di sana costituzione fisica;

d) la cittadinanza o le cittadinanze di cui sono in possesso;

e) da quanto tempo risiedono nel Paese;

f) le eventuali condanne penali comprese quelle inflitte all’estero nonché i provvedimenti penali pendenti a loro carico in Italia e all’estero;

g) la posizione nei riguardi degli obblighi militari (per i candidati soggetti agli obblighi di leva);

h) il possesso del diploma di licenza elementare o equivalente;

i) il possesso della patente di guida.
 

3. ESCLUSIONE DALLE PROCEDURE DI SELEZIONE
 
Determinano l’esclusione dalle prove di selezione:

a) le domande dalle quali non risulti il possesso di tutti i requisiti prescritti per l’ammissione alle prove;

b) le domande prive della sottoscrizione autografa;

c) le domande spedite o presentate oltre il termine stabilito dal punto 2 del presente bando.


4. PROVE D’ESAME
 
I candidati che risponderanno ai requisiti di cui sopra saranno chiamati per un colloquio con il Capo Missione o con persona da lui delegata. Della convocazione sarà data comunicazione sul sito internet dell’Ambasciata.


5. DOCUMENTAZIONE
 
Il candidato risultato vincitore dovrà produrre la sottoelencata certificazione:
 
a) certificato di nascita;

b) certificato di sana costituzione fisica;

c) diploma di licenza elementare o equivalente (in copia autenticata)- i titoli di studio stranieri dovranno essere corredati di traduzione ufficiale e della dichiarazione di valore;

d) patente di guida valida per lo svolgimento delle mansioni di autista in Lussemburgo (in copia autenticata)La certificazione redatta in lingua straniera dovrà essere opportunamente tradotta ed eventualmente legalizzata.

Si precisa che i cittadini italiani e dell'Unione Europea, in luogo della certificazione di cui ai precedenti punti a) e c) dovranno presentare le apposite dichiarazioni sostitutive di certificazione di cui all’articolo 46 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, limitatamente alle ipotesi in cui gli stati, le qualità personali ed i fatti siano contenuti in registri pubblici italiani o dell'Unione Europea e, in quest'ultimo caso, purchè a questa Ambasciata sia data la possibilità di accedere per eventuali controlli.

Qualora successivi controlli dovessero far emergere la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni sostitutive, l’interessato incorrerà nelle sanzioni penali di cui all’articolo 76 del precitato D.P.R. n. 445/2000, decadendo immediatamente dall’impiego e da ogni altro beneficio eventualmente conseguito sulla base della dichiarazione non veritiera.

Il candidato prescelto non potrà in ogni caso iniziare a prestare servizio se non dopo l’apposizione del visto da parte dell’Ufficio Centrale del Bilancio sul provvedimento ministeriale di approvazione del contratto. 



                                                                                                                L’Ambasciatore                                                    
                                                                                         Stefano Maria CACCIAGUERRA RANGHIERI




217