Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cooperazione culturale

 

Cooperazione culturale

 

Le relazioni culturali tra Italia e Lussemburgo sono regolate dall’Accordo firmato il 3 maggio 1956 e dal XV° programma esecutivo firmato a Lussemburgo il 22 febbraio 1999, in attesa di essere rinegoziato.

Negli ultimi anni, l’importanza culturale del Lussemburgo è particolarmente cresciuta. Grazie all’impegno delle autorità lussemburghesi in occasione della nomina di Lussemburgo a Capitale europea della Cultura nel 2007, la Città è divenuta sede di istituzioni culturali di grande prestigio e importanza tra cui si ricordano la Philarmonie, l’Abbaye de Neumünster, il Museo d’arte contemporanea MUDAM. La vita culturale del Granducato è particolarmente ricca e rivolta a un pubblico sempre più esigente e cosmopolita. Una presenza della cultura italiana ai più alti livelli qualitativi è imprescindibile e da un forte contributo alla promozione del Made in Italy e del turismo diretto al nostro Paese.

L’Ambasciata d’Italia in Lussemburgo si occupa attivamente della promozione della lingua e della cultura italiane nel Granducato, coordinando corsi di italiano e promuovendo eventi in collaborazione con tutte le principali istituzioni culturali lussemburghesi.

In seguito alla chiusura dell’Istituto Italiano di Cultura nel 2014, presso l’Ambasciata è stato istituito l’Ufficio Culturale. Grazie alla collaborazione con il comitato lussemburghese della Società Dante Alighieri vengono offerti corsi di lingua italiana: dall’anno prossimo, in virtù di un tavolo permanente con il Ministero dell’Educazione granducale, sarà possibile attivare corsi di lingua italiana per gli allievi dei cicli scolastici inferiori.

Presso l’Università del Lussemburgo è avviata dall’anno accademico 2015/2016, una Formation Continue in Lingua e cultura italiane, un corso universitario che prevede la partecipazione di docenti locali e grandi personalità della cultura italiana come C. Magris, Ph. Daverio, M. Gramellini.

I corsi della Dante Alighieri e la formazione universitaria ricevono finanziamenti, per il tramite dell’Ambasciata, dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

L’organizzazione di concerti, rassegne cinematografiche, conferenze, spettacoli teatrali ed esposizioni è resa possibile da un’efficace cooperazione tra l’Ambasciata e la Fondazione Cavour, ente di diritto lussemburghese che raccoglie contributi privati per sostenere e proporre eventi culturali di concerto con l’Ambasciata.

Il Lussemburgo è anche sede dell’Istituto Europeo per gli Itinerari culturali del Consiglio d’Europa.

 

Qui di seguito l’indirizzo di posta elettronica della Sezione culturale dell'Ambasciata

5, rue Marie-adélaïde, L-2128 Lussemburgo
Tél. (+352) 443644-1 Fax (+352) 455523

E-mail: culturale.lussemburgo@esteri.it

Sito: www.amblussemburgo.esteri.it

 

Il Sito Internet della Società Dante Alighieri:

www.ladante.lu

 

Il Sito Internet della Fondazione Cavour:

www.fondationcavour.lu

 

 

TECNOLOGIA E INNOVAZIONE

Nel quadro della diversificazione della sua economia, il Lussemburgo punta molto sui settori dell’innovazione tecnologica tra cui il settore aerospaziale, Information Communication Technology (ICT), la biomedicina, la protezione dei dati e la logistica. Per queste ragioni, l’Ambasciata ha colto ogni occasione per promuovere le eccellenze scientifiche e tecnologiche del nostro Paese.

Tra i settori in cui l’Italia dispone di un evidente vantaggio comparato, quello della valorizzazione e restauro del patrimonio culturale e archeologico attraverso l’utilizzo delle tecnologie più avanzate.

 

 

 

 

 

 


48