Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Collaborazione Villa Vigoni - Università di Lussemburgo

 

Collaborazione Villa Vigoni - Università di Lussemburgo

L’Università del Lussemburgo, ateneo di recente fondazione e in piena espansione, ha sviluppato da tempo a una proficua collaborazione con il Centro Italo-Tedesco per l’eccellenza europea di Villa Vigoni in provincia di Como, ente impegnato da decenni nel rafforzamento delle relazioni tra il nostro paese e la Germania nei campi della ricerca scientifica, dell’istruzione superiore e della cultura.

Le due Istituzioni, con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia in Lussemburgo, intendono ora realizzare uno stretto partenariato in considerazione dei comuni interessi nel campo dell’interculturalità, dato il plurilinguismo presente nel Granducato di Lussemburgo.

Nel paese convivono, infatti, forti comunità di lingua romanza – francesi, italiani e portoghesi – e il francese convive come lingua ufficiale con il tedesco. Una situazione simile a quella di Villa Vigoni, istituzione bilingue situata in territorio italiano vicina alla svizzera e quindi anche all’area francofona.

Una convenzione sarà presto approvata con l’obiettivo di uno stretto coordinamento scientifico e della partecipazione congiunta a bandi europei di finanziamento della ricerca al fine di approfondire i temi dell’integrazione europea a partire dall’analisi dell’accordo di Schengen.

Nei prossimi mesi, il rettore R. Klump dell’Università di Lussemburgo interverrà a Villa Vigoni per sancire l’adesione formale dell’Università di Lussemburgo all’Associazione Villa Vigoni.

Grazie all’Ambasciata d’Italia, il partenariato tra Villa Vigoni e l’Università di Lussemburgo, si aprirà al contributo di sponsor privati come Unicredit che ha già manifestato il proprio interesse per il progetto.

 

Visita il link:

PROPOSTA DI COOPERAZIONE DI VILLA VIGONI PER UNA COOPERAZIONE FRA L'UNIVERSITE DU LUXEMBOURG E VILLA VIGONI.

 

 

 


295